viagra

Viagra prezzo: Per alzare alza… ma quanto pesa sulle tasche? Il costo viagra

Parlando di Viagra, in una precedente puntata “IL COSTO DELL’AMORE”” del marzo scorso avevamo fatto una carrellata sui costi (in genere notevoli…) della famose (e certamente utilissime) Pasticche dell’amore. Cercando, così, di dare una sorta di bussola economica dei costi di ogni prodotto.

E siccome “repetita iuvant” come non ricordare:

Viagra costo

VIAGRA 50 mg si avevano 46 Euro a scatola (confezioni da 4 cps) che divenivano 54 per l’orosolubile e arrivavano a 56 per il dosaggio massimo di 100 mg.

LEVITRA da 10 (all’incirca equivalente al 50 del viagra) il costa era di 26 Euro che divenivano 32 con l’orosolubile mentre il suo dosaggio massimo volava a 52 Euro.

CIALIS da 20 mg (suo dosaggio massimo e pertanto, molto all’incirca, paragonabile al 100 del viagra) con costo di 56 Euro a scatola. Con il 5 mg giornaliero (che tuttavia contiene una trentina di cps) che sfonda i 120 Euro a scatola.

All’epoca concludevamo l’articolo raccomandando comunque attenzione a considerare solo i costi perché “la prescrizione e il conseguente utilizzo di questi farmaci non può, né mai deve essere legato solo alla, pur importante, questione economica. Ognuno di questi medicinali ha caratteristiche, controindicazioni, tollerabilità, un po’ diversi l’uno dall’altro. Compito del Medico in genere e dell’Andrologo in particolare, è quello di ricercare il giusto equilibrio tra risultati e effetti collaterali, analizzando ogni singolo caso.”

Viagra-100Questa raccomandazione resta validissima, ma è anche vero come, certamente complice l’imperante crisi economica, la richiesta del mercato spinge con sempre maggiore forza verso forme di risparmio che permettano di gravare un po’ meno sui portafogli dei maschietti.

Triplice potrebbe essere stata la risposta:

1. Un nuovo farmaco “griffato”, l’AVAFANIL, più economico dei precedenti,

2. Gli EQUIVALENTI o GENERICI

3. La vendita ON LINE

Avafanil farmaco dell’amore efficace e a buon mercato

1) Per quello che riguarda l’Avanafil (nome commerciale SPEDRA) ne abbiamo già descritto caratteristiche e indicazioni in una puntata precedente (“IL VIAGRA SI FA IN QUATTRO. NUOVE FRONTIERE DELLA PILLOLA DELL’AMORE”). Per ora limitiamoci a ricordare che una scatola da 100 mg (all’incirca paragonabile al 50 mg di viagra) costa circa 25 Euro.

2) Diversa è la semi-rivoluzione dei cosiddetti GENERICI. Un medicinale equivalente (anche detto generico dall’inglese generic drugs) è un medicinale che, in seguito a studi clinici appositi, si dimostra bioequivalente rispetto ad un altro medicinale. Un medicinale equivalente può entrare sul mercato quando scade la copertura brevettuale. In Italia il concetto di medicinale “generico” o “equivalente” rispetto ad un originatore con brevetto scaduto è relativamente recente essendo stato introdotto solo nel 1995.

In Italia IL PREZZO AL PUBBLICO DEI MEDICINALI GENERICI, PER LEGGE È STABILITO IN ALMENO IL 20% IN MENO (spesse volte molto di più: sovente attorno al 50%) rispetto al medicinale di riferimento.
Con la relativamente recente scadenza del brevetto del Viagra un piccolo esercito di generici a base di Sildenafil (la molecola alla base del viagra) ha invaso i banconi delle farmacie. Ed in effetti i prezzi del Sildenafil generico sono spesso quasi la metà del viagra griffato. Mentre non è ancora scaduto il brevetto di Levitra e Cialis.

BUONA NOTIZIA DUNQUE. SI CERTO, MA… quando si entra nella praticaa quotidiana non sempre è tutto rose e fiori. Un esempio? Il celeberrimo AULIN ha il suo generico nella Nimesulide (il suo principio attivo). Sulla carta tutto uguale. Ma avete provato a mettere in bocca una bustina di Aulin ed una bustina del suo generico…? Se fate una smorfia di semi-disgusto l’avete fatto.

Perché in effetti nel farmaco equivalente il principio attivo deve essere lo stesso, ma possono differire, ad esempio, gli eccipienti, le sostanze cioè mischiate con la molecola principale che tanto importanti sono (oltre che per il suo aspetto e sapore) per il suo assorbimento. Senza entrare in dettagli troppo scientifici, limitiamoci a dire che questo può modificare e non poco la farmacocinetica (tempo di assorbimento, di entrata in circolo, sua permanenza nel corpo, ecc.) in particolare per quanto riguarda le concentrazioni massime e medie nel sangue. Questi due importantissimi parametri (importanti perché se il farmaco non arriva nel sangue in maniera adeguata serve a poco…) secondo la Legge devono essere sovrapponibili per il prodotto equivalente e di marca, con (e su questo punto molti puntano il dito!) UN MARGINE DI TOLLERANZA DEL 20%. Due formulazioni sono definite bioequivalenti se si può, cioè, determinare che la differenza tra le loro biodisponibilità rientri in un intervallo predefinito come “INTERVALLO ACCETTABILE” di bioequivalenza, appunto di circa il 20%. E’ poco? E’ tanto? E’ importante? Non sta a noi dirlo. Ma che uqesta differenza sia prevista (e considerata accettabile) è un dato di fatto

Questo non significa che bisogna diffidare per principio dei generici. Ci mancherebbe altro! Ma che semplicemente quando si parla di salute in genere e di sessualità in particolare è bene non farsi guidare solo dal portafoglio (che comunque non è cosa da poco) ma anche tenere conto di tante particolarità e caratteristiche. Una scelta da fare assieme, Medico e paziente, in un rapporto di piena fiducia per evitare di SBAGLIARE STRADA…

3) Ah! Già, il terzo punto: l’acquisto ON LINE… ci torneremo perché è argomento lungo e importante, ma una cosa deve esser chiara da subito: PRUDENZA! TANTA, TANTA, TANTA PRUDENZA!

La frase del giorno: “… Considerando che l’amore non ha prezzo / Lo pagherò offrendo tutto l’amore / Tutto l’amore che ho.” Jovanotti

*

Il DR. Luca Lunardini è Medico-Chirurgo, Specialista Urologo con incarico di Alta Specializzazione in Andrologia, è dirigente medico presso la Unità Operativa di Urologia della A.S.L. 12 Versilia.

Membro della società italiana degli Urologi Ospedalieri e della Società Italana di Andrologia, ha fatto parte della Commissione Oncologica Nazionale del Ministero della Salute ed è stato Presidente della Sezione Provinciale di Lucca della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

Il Dr. Lunardini è contattabile per qualsivoglia approfondimento via email al seguente indirizzo: [email protected]

(Visitato 13.055 volte, 16 visite oggi)